sottovoce

Quando abbassi la guardia

scendi dalla rupe

rifugio senza barricate,

et irraggiungibile.

Sciogli le difese,

saldamente salde legate ancorate a te

corazza dei miei abbracci soffocati

accennati,

a metà.

Quando mi lasci soffiare sulle scottature

ti abbandoni ai sorrisi negati.

Bambino gaudente,

una palla colorata

con la sabbia puoi costruire un castello

vai a fare il bagno,

ti seguo.

L’acqua è fredda, immergiti.

Chiudi gli occhi,

stanotte non dormi da solo.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s